martedì 26 gennaio 2010

Park...della Musica - Ensemble "Il Galante"





























































Park... della Musica
rassegna di musica classica e jazz ideata e diretta dal m° Luigi Tufano

Hotel Park
via Tiburtina Km 99
Tagliacozzo AQ

Venerdì, 29 gennaio 2010 ore 21:30

Ensemble “Il Galante”

Soprano, Claudia Di Carlo
Traversiere, Luigi Tufano
Viola Da Gamba, Maurizio Pratola
Tiorba, Luca Di Berardino
Clavicembalo, Sandro Rancitelli

Programma
- Domenico Sarri (1679-1744), "Se pur fosse il cor capace", Cantata per soprano, flauto e basso continuo: Arioso - Recitativo – Andante

- Pietro Locatelli (1695-1764), Sonata IV op. 2 in Sol maggiore per flauto e basso continuo:
Adagio-Allegro, Allegro, Minuetto

- Anonimo sec. XVIII (Scuola napoletana) "Udite amanti" - cantata per soprano, flauto e BC Recitativo - Allegro - Recitativo – Presto

- Leonardo Vinci (1690-1734), Sonata in re maggiore per flauto e basso continuo: Adagio, Allegro, Largo-Presto-Pastorella

- Georg Friedrich Haendel (1685-1759), "Pensieri notturni di Filli", Cantata per soprano, flauto e basso continuo: Recitativo - Aria - Recitativo – Allegro

Claudia Di Calrlo, nel 2002 si diploma in pianoforte nella classe del M° Delfina D’Annibale presso il Conservatorio “A. Casella” dell’Aquila.
Nel 2003 inizia lo studio del canto lirico con la soprano Maria Paola Colaiuda; l’anno successivo entra nella classe di canto del M° Maria Chiara Pavone presso lo stesso conservatorio “A. Casella” ed attualmente frequenta il V anno di corso.
Negli ultimi anni si avvicina alla musica barocca studiando e interpretando brani di Monteverdi, Dowland, Corbetta, Bach e altri. In particolare, nel 2009 si esibisce a Cremona in occasione della manifestazione Liuteria in Festival accompagnata da un consort di viole da gamba, e a Roma nella parte della First Witch nel “Dido and Aenea” di H. Purcell, con la direzione del M° Andrea De Carlo.
Dal 1997 canta, come soprano, nell’associazione musicale Schola Cantorum S. Sisto diretta dal M° Carmine Colangeli, nella quale è spesso impegnata anche come solista e accompagnatore pianistico. Insieme alla Schola Cantorum S. Sisto si esibisce in importanti tournée estere (Francia, Spagna, Austria, Repubblica Ceca, Germania e Grecia) e prende parte alla registrazione dei cd “Atene edificata, Coro dei guerrieri”, 2008, e “Coeli voces”, 2009, per l’etichetta Bongiovanni, sotto la direzione del M° Francesco Quattrocchi.
Nel settembre 2009 canta nel coro della Filarmonica Aquilana con la direzione del M° Riccardo Muti.
Nel dicembre 2004 recita e canta, nella parte della protagonista femminile, nella commedia musicale “Ci stea na ’ote” scritta e diretta da Franco Villani.
Dall’aprile 2008 dirige il Coro Polifonico del Liceo Scientifico “A. Bafile” dell’Aquila.
È laureata in Ingegneria Elettronica ed è studentessa di dottorato in Ingegneria Elettrica e dell’Informazione presso la Facoltà di Ingegneria dell’Aquila.

Luigi Tufano, napoletano di nascita, ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio "S.Cecilia" di Roma per quanto riguarda il flauto moderno e il Conservatorio “F.E.DellAbaco” di Verona per i flauti traversi storici.
Tra i suoi maestri G.Graverini, M.Ancillotti e K.Klemm per il traverso moderno; Sergio Siminovich, Marcello Gatti, Barthold Kujiken, Kate Clark e Marcello Castellani per quelli antichi (traversa rinascimentale, traversiere e flauto classico a 8 chiavi).
Giovanissimo si è aggiudicato diversi concorsi nazionali, classificandosi al terzo posto al Concorso internazionale di Stresa di musica da camera. Ha collaborato con alcune prestigiose orchestre tra le quali l’Orchestra Sinfonica della RAI di Roma, il Gruppo Strumentale “Musica d’Oggi”, l’Orchestra del Gonfalone, ecc. Ha effettuato numerose registrazioni per la RAI e per la Radio Vaticana che sono poi state trasmesse in programmi dedicati al flauto o al repertorio cameristico della musica antica.
Ha al suo attivo molte incisioni sia in veste di solista che quale strumentista in orchestre e gruppi da camera. Utilizza un flauto costruito da R.Tutz (copia di un G.A.Rottenburgh) con il quale ha inciso ha inciso per l’etichetta Domani Musica i “Quartetti Parigini” (eseguiti poi nell’ambito della manifestazione “Flautissimo 2001”), le “Sonate a Flauto Traversiere, Viola da Gamba e Basso Continuo” (prima incisione integrale) di G.P.Telemann.
Ha fatto parte della giuria dei più importanti concorsi nazionali per flauto (Krakamp – Torre del Greco e Benevento, Syrinx - Roma, Gazzelloni - Firenze, ecc) ed è stato docente presso il teatro Lirico Sperimentale di Spoleto per i corsi di formazione orchestrale.
Come flautista di scena ha collaborato con artisti di fama come L.Buzzanca, A.Foà. E.Nazzari e altri, esibendosi nei maggiori teatri italiani.
Da sempre studioso della prassi esecutiva desumibile dalle principali fonti storiche, si dedica alle esecuzioni con strumenti appropriati al repertorio che di volta in volta viene chiamato ad interpretare, spaziando dalla musica rinascimentale a quella barocca e classica.
Insegna flauto e flauto traversiere presso il conservatorio “Alfredo Casella” dell’Aquila, nel quale ricopre altresì l’incarico di Coordinatore dell’attività di produzione artistica e comunicazione.
Insegna inoltre “Comunicazione sonora e didattica della musica” presso la facoltà di Scienze della formazione presso l’Università statale dell’Aquila.

Maurizio Pratola,si è diplomato in liuto presso il Royal College of Music di Londra sotto la guida di Jakob Lindberg. Ha suonato in diversi Paesi europei (Belgio, Francia, Irlanda, Spagna, Svizzera) nonché in Italia da solo e con varie formazioni cameristiche e orchestrali. In qualità di tiorbista ha suonato sotto la direzione di celebri direttori (Linden Baroque Orchestra diretta da Paul Goodwin, Alamiré e i Febi Armonici diretti da Alan Curtis ecc.). Ha inciso con case discografiche (Bongiovanni, Tactus, Well music) ed ha partecipato a registrazioni per la RAI di opere trasmesse in televisione (Dafne di Marco da Gagliano, La Rappresentazione di Anima e di Corpo di Emilio de’ Cavalieri). Ha suonato nella colonna sonora del film del del regista cinese Juan Zang “La Guerra dei Fiori Rossi” (Littele Red Flowers) per le musiche di Carlo Crivelli.
Ha inciso un CD dedicato al liutista Marco da L’ Aquila per il quale ha organizzatonel 1998 il I° Convegno internazionale al quale hanno partecipato insigni studiosi e il liutista Paul O’ Dette con il quale sta curando l’ edizione critica delle Opere.
Ha partecipato con Modo Antiquo, diretto da Federico Maria Sardelli, alla incisione di un CD della cantante Anna Caterina Antonacci dedicato a capolavori del Seicento, fra cui il “Combattimento di Tancredi e Clorinda”, pubblicato dalla casa francese Naive.
Dal 2004 una grande passione lo ha spinto ad iniziare lo studio della viola da gamba (strumento che fino alla fine del Seicento era ancora abbinato alla pratica della tiorba come per la carica di “Violiste du Roi”).
E’ laureato in Musicologia presso l’Università di Bologna con il massimo dei voti e la lode, con una tesi su J.J. Kapsberger.

Luca Di Berardino
Inizia lo studio della chitarra all' età di nove anni, prima con Gilberto Carusi poi con il M. Alessandro Giancola. Si esibisce con varie formazioni locali nei festival e nei locali della zona, con un repertorio che spazia dal pop, al blues, al rock classico. Partecipa a numerose Masterclass di chitarra classica ed elettrica, con insegnanti di livelo nazionale ed internazionale come Davi Russel, Giacomo Castellano, Steve Vai. Nel 2002 si iscrive al Conservatorio di Musica A. Casella di L'aquila, dove frequenta inizialmente il corso di chitarra del M. Massimo Delle Cese per poi iscriversi al Corso di Musica Antica con indirizzo Liuto, che tuttora frequenta sotto la guida del M. Maurizio Pratola. Partecipa anche ai corsi tenuti dal M. Evangelina Mascardi sul Basso Continuo e la Musica d'Insieme. Nell'estate del 2009 partecipa al progetto "Novo Mundo", realizzato da Norberto Cruz, con il quale si esibisce all'interno del Festival Internazionale di Musica Tradizionale "Raizes do Atlantico", svoltosi a Madeira, Portogallo. Si esibisce anche con varie formazioni cameristiche nelle rassegne concertistiche della zona.

Sandro Rancitelli, ha studiato Composizione con Giancarlo Bizzi presso il Conservatorio "A. Casella" di L'Aquila, dove attualmente insegna Lettura della Partitura e Pratica del Basso Continuo; come compositore ed esecutore ha partecipato all'attività concertistica e di ricerca del
Gruppo di Sperimentazione Musicale "Edgar Varese" e, in un secondo tempo, dell'ensemble "Officina Musicale". Dagli anni '80 si occupa di musica antica come clavicembalista, dopo il fortunato incontro con Jesper Christensen, del quale ha seguito i corsi di Basso Continuo e
Prassi esecutiva della Musica Barocca alla Schola Cantorum di Basilea.
Ha fondato e diretto il Gruppo Barocco "Il Desiderio" e successivamente l'ensemble "Galatea", specializzato nella riscoperta ed esecuzione di composizioni di autori di scuola napoletana del '700 su strumenti d'epoca. Tra i numerosi concerti nel campo della musica antica, spicca
la pluriennale partecipazione alle "Settimane internazionali " di Sorrento e la collaborazione con diverse orchestre tra cui la Sinfonica Abruzzese e l'Orchestra "Goffredo Petrassi", ed è stato, inoltre,
fondatore e direttore artistico dell'Orchestra Giovanile della Marsica.
Come musicologo ha collaborato per diversi anni con la RAI - Radio 3 - in programmi musicali.


video

giovedì 21 gennaio 2010

Park... della Musica - Cosmo Intini - Piano Jazz


Park... della Musica
Rassegna di musica Classica e Jazz ideata e diretta dal m°Luigi Tufano

Piano Jazz
Cosmo Intini

venerdì 22 gennaio 2010 ore 21:30
Hotel Park
via Tiburtina km 99
Tagliacozzo AQ
Programma
Musiche originali

Si è diplomato in pianoforte presso il Conservatorio “N. Piccinni” di Bari, perfezionandosi poi con il M° Sergio Perticaroli.
All’iter accademico ha unito presto lo studio del jazz e dell’improvvisazione, che ha approfondito sia con E. Pieranunzi a Roma, che con H. Hancock presso il “Mozarteum” di Salisburgo.
Alla sempre intensa attività concertistica, classica e jazz, ha affiancato quella didattica (si cita peraltro anche quella presso l’Università del Jazz a Terni) e discografica.
Ha inciso a proprio nome due dischi che hanno ricevuto positive recensioni da parte della stampa specializzata sia italiana che straniera. Il secondo CD, in particolare, è stato registrato con musicisti statunitensi (Gary Bartz, Victor Lewis, Carroll Dashiell). Pubblicato in Olanda dalla Timeless, è stato distribuito in tutto il mondo. Tale lavoro gli è valsa la designazione di “secondo miglior nuovo talento” nel referendum indetto dalla rivista Musica Jazz.
Ha collaborato con quasi tutti i migliori jazzisti italiani ed ha suonato in tour con molti stranieri, quali: G. Bartz, B. Watson, J. Owens, T. Scott.
Ha partecipato ha diverse produzioni RAI.
Recentemente sono state utilizzate alcune sue composizioni per una serie di coreografie danzate al teatro Eliseo di Roma. Ha collaborato inoltre, nel campo teatrale, con la compagnia Lalage di Marsiglia come esecutore di musiche dal vivo.
È stato docente di pianoforte nel Laboratorio Musicale della Scuola media "E Fermi" di Avezzano dove è stato anche titolare della cattedra di armonia ed improvvisazione jazz, musica d'insieme.
Si ricorda la sua collaborazione con l’antropologo Prof. Mario Polia nella raccolta e trascrizione di canti religiosi popolari della tradizione ascolana e reatina, pubblicati per l’Arnaldo Forni Editore.
Collabora in qualità di docente di pianoforte jazz presso la scuola “Jazz On” di Avezzano; inoltre occupa il posto di pianista accompagnatore presso l’Accademia Nazionale di Danza a Roma.

martedì 12 gennaio 2010

Park...della Musica - Canto e Pianoforte

Park...della Musica Rassegna di musica classica e Jazz ideata e diretta dal m° Luigi Tufano Park Hotel - Tagliacozzo AQ Concerto Canto e Piano 15 gennaio 2010 ore 21:30 Tagliacozzo Annalisa Di Ciccio (soprano) Gianmarco Di Cosimo (baritono) Annalisa Quaresima (soprano) Guido Cellini (pianoforte) Annalisa Quaresima, soprano, nata a Subiaco (Roma), avviata alla musica dal fratello Stefano, frequenta dall’età di 11 anni il Coro Polifonico di Subiaco con cui partecipa a numerose tourneès. Inizia lo studio del canto lirico con il soprano Elena Cignitti e nell’aprile 2005 debutta come solista nel Magnificat di C. Monteverdi presso l’Abbazia di Santa Scolastica a Subiaco alla presenza del cardinale Joseph Ratzinger a pochi giorni dalla sua nomina di Papa. In pochi mesi si esibisce in vari recital lirici in Italia affrontando brani da Le nozze di Figaro e Bastiano e Bastiana di W.A. Mozart, dal Requiem di G. Faurè e dal Gloria di A. Vivaldi, esordisce con la Kammerorchester der Stadt Ochsenhausen nel Magnificat di G.B. Pergolesi e canta nel Dixit Dominus di C. Monteverdi. Giovanissima, ha già all’attivo numerosi concerti da solista in Italia e all’estero (Germania, Austria, Polonia e a maggio sarà in Ungheria). Studia canto lirico con il soprano Antonella Cesari presso il Conservatorio di Musica “A. Casella” di L’Aquila. Annalisa Di Ciccio è nata il 30 agosto 1986 e vive a Mosciano Sant’Angelo (TE). Inizia gli studi di canto con la Prof.ssa Leonia Vetuschi presso l’I.M.P. “G. Braga” di Teramo. Ha partecipato sia nell’anno 2006 che nel 2007 ai corsi di perfezionamento di canto, che si sono svolti a Trani presso l’Associazione Domenico Sarro, sotto la guida della Prof.ssa Antonella Cesari e al corso Internazionale di Interpretazione Musicale tenuto a Norcia. Ha partecipato come cantante solista a diversi concerti organizzati dal Conservatorio eseguendo brani tratti dalle opere Il Flauto Magico (Regina della notte), Falstaff (Nannetta), Capuleti e Montecchi (Giulietta), Un ballo in maschera (Oscar), Gianni Schicchi (Lauretta), l’Elisir d’amore (Adina). Con il tenore Simone Ponziani e il pianista Guido Cellini, ha realizzato diverse serate in lirica presso il Teatro “Acquaviva” di Mosciano S. Angelo, il Teatro “Talia” di Tagliacozzo, il Teatro “San Francesco” di Pescina, il Teatro dei “Marsi” di Avezzano e insieme hanno partecipato al concerto “Giovani artisti per l’ospedale” tenutosi presso l’ospedale “A.Gemelli” di Roma. Lo scorso mese ha debuttato nell’opera “La Serva Padrona” di G.B. Pergolesi, sotto la regia di Alessandra Vadalà, realizzata a Firenze presso la “Biblioteca delle Oblate”. Attualmente studia come soprano lirico-leggero presso il conservatorio “A. Casella” di l’Aquila, con la Prof.ssa Antonella Cesari . Matricola enpals: 2270037 Gianmarco Di Cosimo, baritono, ha iniziato nel 2001 gli studi di canto nella Schola Cantorum “V. De Giorgio” di Scurcola Marsicana, sotto la guida del M° Monica Tortora. Con questo complesso di voci, sin da giovane, ha partecipato a importanti rassegne polifoniche sia nazionali che internazionali. In Italia si è esibito come solista del su citato coro presso la Basilica di S. Francesco di Assisi, nella Basilica di Loreto, nel Duomo di Orvieto, nella Basilica di S. Maria Maddalena di Ischia, e in altre rassegne polifoniche nazionali. In campo internazionale si è esibito presso la Basilica e il Rathaus di Vienna, e nel Duomo di S. Stefano a Passau (Germania) accompagnato dall’organo a canne più grande del Mondo. La passione per questa disciplina lo ha portato a ampliare la sua preparazione, studiando, dal 2007, con il baritono M° Guerino Pelaccia, che lo ha preparato all’ammissione al conservatorio, raggiunta con un ottimo risultato. Attualmente frequenta il primo anno del Conservatorio “A. Casella” di L’Aquila, sotto la guida del soprano M° Antonella Cesari. La sua predisposizione al canto lo ha portato ad entrare sin da subito nel Coro del Conservatorio, ed ad esibirsi nella Basilica di S. Maria del Mar a Barcellona. La sua propensione per la musica lo ha portato a dirigere, dal 2007, il Coro della Confraternita della SS. Trinità di Scurcola Marsicana, di cui faceva parte sin dalla tenera età come voce bianca, diventando, a memoria di storici, il più giovane maestro a ricoprire questo ruolo. Guido Cellini, giovane musicista, dopo aver conseguito il Diploma di laurea di I livello in pianoforte con il M° Claudio Curti Gialdino, ultima gli studi musicali frequentando il Biennio specialistico presso il Conservatorio di Musica “A. Casella” di L’Aquila, sotto la guida del M° Elena Matteucci.Ha partecipato a diverse Master Class quali quelle di Perticaroli,Voskobojnikov e Petrushansky, e frequentato Corsi di perfezionamento di Interpretazione musicale con il M° Drahomira Biligova.Ha tenuto concerti come solista, come accompagnatore e in formazioni da Camera. Matricola enpals: 2326616 PROGRAMMA: I Parte: Giacomo Puccini da “Gianni Schicchi” O mio babbino caro soprano Annalisa Di Ciccio Wolfgang Amadeus Mozart da “Le nozze di Figaro” Dove sono i bei momenti soprano Annalisa Quaresima Wolfgang Amadeus Mozart da “Le nozze di Figaro” Canzonetta sull’aria soprano Annalisa Quaresima soprano Annalisa Di Ciccio Wolfgang Amadeus Mozart da “Le nozze di Figaro” Non più andrai baritono Gianmarco Di Cosimo Wolfgang Amadeus Mozart da “Don Giovanni” Là ci darem la mano soprano Annalisa Quaresima baritono Gianmarco Di Cosimo II Parte: Wolfgang Amadeus Mozart da “Il Flauto Magico” Der Holle Rache soprano Annalisa Di Ciccio Giacomo Puccini da “La Boheme” Quando men vo soprano Annalisa Quaresima Stanislao Gastaldon Musica proibita soprano Annalisa Di Ciccio baritono Gianmarco Di Cosimo Pietro Mascagni M’ama non m’ama soprano Annalisa Quaresima Pietro Mascagni dal “Sì” Duetto comico soprano Annalisa Di Ciccio soprano Annalisa Quaresima Franz Lehar da “La vedova allegra” Tace il labbro soprano Annalisa Di Ciccio baritono Gianmarco Di Cosimo Gioacchino Rossini Duetto buffo dei gatti soprano Annalisa Di Ciccio soprano Annalisa Quaresima baritono Gianmarco Di Cosimo
video
video

lunedì 4 gennaio 2010

Park... della Musica - Alessandro Bonanno - Piano jazz

Park... della Musica Rassegna di musica Classica e Jazz Ideata e diretta da Luigi Tufano venerdì 8 gennaio 2010 ore 21:30 Alessandro Bonanno - Piano jazz ingresso libero “La storia del jazz attraverso il pianoforte” Autori vari Alessandro Bonanno, piano solo Nella storia e nell’evoluzione della musica afroamericana, comunemente chiamata “Jazz”, il pianoforte ha rappresentato una sorta di colonna portante, a partire da una delle principali espressioni musicali che contengono, in egual misura, elementi di cultura musicale europea fusi con materiali ritmici provenienti dall’Africa: il “Ragtime”. Esso è strettamente legato al pianoforte, se non altro per il banale motivo che questo era lo strumento con il quale i musicisti intrattenevano i clienti delle case di tolleranza… La musica più “rurale”, come il Blues, ovviamente non utilizzava in origine il pianoforte, prediligendo strumenti più “portatili” come la chitarra, o addirittura tascabili, come l’armonica; ma i pianisti si impadronirono ben presto delle strutture armoniche e degli stilemi melodici del Blues, creando l’”Honky-tonky” o il “Boogie-woogie”, che sfruttano la grande propulsività dei moduli ritmico/armonici tipici di questi generi. E proprio per le sue caratteristiche di strumento sia percussivo (quindi molto ritmico) che lirico, il pianoforte, a eccezione di alcuni particolari casi, è praticamente sempre stato presente nel percorso evolutivo del linguaggio Jazz, costituendo una sorta di orchestra “ridotta”, e assumendo, a seconda dei periodi storici, ruoli diversi. Il concerto di stasera propone un percorso attraverso i diversi periodi della storia del Jazz legati al pianoforte, partendo dal “Ragtime” e arrivando ai giorni più vicini a noi. Tutto questo, però, cercando di evitare ogni “pedanteria”, e provando a rendere vivi e attuali i vari stili in cui tale strumento è stato tra i protagonisti. ALESSANDRO BONANNO, nato a Palermo nel 1959, è diplomato in Pianoforte e Composizione. Ha studiato anche Arrangiamento Jazz. Ha vinto numerosi premi come pianista classico (IV premio “Coppa Pianisti d’Italia” – Osimo (AN) 1973; I premio “Rassegna Franz Liszt” . Livorno 1975; II premio (I non assegnato) “Concorso Karl Czerny” – Torre Pellice (TO) 1985 etc.), come pianista Jazz (Finalista “Premio Four Roses” – Umbria Jazz – Perugia 1991; I premio “Concorso Musica Jazz Lucus Feroniae” – Mentana (RM) 1996 etc.) e come compositore/arrangiatore (Premio Miglior Arrangiamento della canzone “Malafemmena” – Latina 1998; segnalazione “Concorso Poesie in Musica” – Cesenatioco 2002; III premio (I e II non assegnati) Concorso composizione Romanze da Camera “F. Andreolli” – Adria (RO) 2003 etc.). Ha al suo attivo numerose incisioni discografiche a proprio nome e come collaboratore, ultima delle quali il CD “Non c’è Duo senza Tre” prodotto dalla Roma-Zone di Musica nel 2006. Ha curato la realizzazione di un programma di “Jazz Sinfonico”, con elaborazioni orchestrali di famosi standard del Jazz e proprie composizioni; tale programma è stato eseguito con grande successo dall’Orchestra Regionale del Molise e dall’Orchestra di Roma e del Lazio all’Auditorium di Roma ed è stato replicato nel corso della stagione 2007 dell’Orchestra “Roma Sinfonietta”. Insegna Pianoforte al Conservatorio “A. Casella” de L’Aquila, istituto nel quale tiene anche corsi di Composizione Jazz. Ulteriori informazioni sul sito www.alessandro.bonanno.name/ o su www.jazzitalia.net/.
video